Motori sperimentali

Disco rotante in campo magnetico schermato (I, II, III)

  • Disco rotante in campo magnetico schermato (I) (collezione De Rubeis)

    Disco rotante in campo magnetico schermato (I) (collezione De Rubeis)

  • Disco rotante in campo magnetico schermato (II) (collezione De Rubeis)

    Disco rotante in campo magnetico schermato (II) (collezione De Rubeis)

  • Disco rotante in campo magnetico schermato (III), in fase di costruzione (collezione De Rubeis)

    Disco rotante in campo magnetico schermato (III), in fase di costruzione (collezione De Rubeis)

Un disco in materiale non ferromagnetico (alluminio o rame) ruota in un campo magnetico generato da un elettromagnete, ed opportunamente schermato; il terzo modello è in fase di costruzione.

Sfera rotante in campo magnetico schermato

Sfera rotante in campo magnetico schermato (collezione De Rubeis)

Sfera rotante in campo magnetico schermato (collezione De Rubeis).

Il modellino sperimentale mostra come un opportuna schermatura del campo magnetico possa far ruotare una sfera in rame. Alimentando l’elettromagnete con una corrente alternata si genera un campo magnetico variabile che a sua volta induce una corrente sulla superficie della sfera non schermata dal disco di rame. Questa stessa corrente indotta genera un campo magnetico che cercando di opporsi a quello dell’elettrocalamita trascina la sfera in rotazione. In assenza della schermatura realizzata con il disco in rame, la sfera non ruoterebbe.