Collezione di apparecchiature del '900 utilizzate negli impianti elettrici di uso domestico

Elettricità nelle case

In questa sezione del sito viene presentata una piccola parte della più vasta collezione di apparecchiature del '900 utilizzate negli impianti elettrici di uso domestico.

  • Conduttori elettrici (collezione De Rubeis)
  • Giunzioni e fissaggi di conduttori elettrici (collezione De Rubeis)
  • Evoluzione degli interruttori e delle prese elettriche (collezione De Rubeis)
  • Interruttori a coltello (collezione De Rubeis)
  • Interruttori generali (interruttori con protezioni contro sovraccarichi e cortocircuiti) e interruttori elettromagnetici (o relè) (collezione De Rubeis)
  • Suonerie o campanelli elettrici (collezione De Rubeis)
  • Valvole, portalampada, interruttori e prese in porcellana (collezione De Rubeis)

Quadri e manifesti attraverso i quali viene ripercorrsa l'evoluzione degli impianti elettrici ad uso domestico. Nell'ordine: i conduttori elettrici, le giunzioni e i fissaggi dei conduttori elettrici, l'evoluzione degli interruttori e delle prese elettriche, gli interruttori a coltello, gli interruttori generali (interruttori con protezioni contro sovraccarichi e cortocircuiti) e gli interruttori elettromagnetici (o relè), le suonerie (o campanelli elettrici) e valvole, portalampada, interruttori e prese in porcellana. Tutti fanno parte della collezione De Rubeis.

Per ricordare il centenario della distribuzione dell’energia elettrica ai privati cittadini di Cagliari, in occasione del Cagliari FestivalScienza 2014 (Exmà 4-9 novembre 2014) è stata allestita una mostra di tali apparecchiature.

 

Giunzioni e fissaggi di conduttori elettrici

Evoluzione tecnica di sistemi di giunzione e fissaggio di conduttori elettrici (collezione De Rubeis)

Evoluzione tecnica di sistemi di giunzione e fissaggio di conduttori elettrici (collezione De Rubeis).

Sono visibili alcuni sistemi di fissaggio e collegamento di conduttori elettrici (fili di vario tipo) per assicurare giunzioni che non si ossidassero nelle parti di contatto evitando, in questo modo, ricorrenti guasti che, ancora oggi, costituiscono una delle cause principali delle disfunzioni degli impianti elettrici. I materiali esposti evidenziano l’evoluzione tecnica dei sistemi di giunzione attraverso innovazioni che introducono le viti in luogo delle procedure di attorcigliamento dei fili elettrici.

1. Derivazione linea elettrica con due conduttori unipolari su fissa-filo in porcellana per condutture interne. Giuntura a Torsione e collegamenti a valvola Edison.
2-3. Giunto Britannia di un filo in rame rigido fissato con legatura laterale ad isolatori Milano in porcellana.

Leggi tutto...

Evoluzione degli interruttori e delle prese elettriche

Evoluzione degli interruttori e delle prese elettriche (collezione De Rubeis)

Evoluzione degli interruttori e delle prese elettriche (collezione De Rubeis).

Sono esposti alcuni interruttori e prese, con i relativi conduttori, utilizzati nella prima metà del 900 per varie tipologie di impiego.

1. Interruttore rotativo semplice con conduttori unipolari cerati supportati da fissa-fili in porcellana (1915).
2. Interruttore rotativo su rosetta in faggio e cordoncino in calza di cotone (1925) supportato da isolatori in porcellana.
3. Interruttore rotativo con porta-fusibile a spina, piuttosto raro, con cordoncino in tela supportato da isolatori Milano in porcellana.

Leggi tutto...

Interruttori a coltello

Interruttori a coltello (collezione De Rubeis)

Interruttori a coltello (collezione De Rubeis).

Questi interruttori venivano utilizzati per l’accensione e lo spegnimento di singole macchine elettriche in officine meccaniche, falegnamerie, laboratori o come interruttori generali per utilizzatori con medi consumi di energia elettrica. Quasi sempre sono muniti di fusibili realizzati con fili di piombo e dispongono di un sistema meccanico di spegnimento dell’arco voltaico che si forma sia in apertura che in chiusura del circuito, corrispondente allo scintillio dei contatti elettrici. Con questa tipologia sono stati realizzati diversi modelli variando il materiale della base sulla quale si fissano i contatti: legno, marmo, ardesia, cartone bachelizzato, ebanite, ecc..

1. Interruttore trifase da 25A con fusibili in fili di piombo e supportato in cartone bachelizzato.
2. Interruttore unipolare da 30A con fusibile in filo di piombo e base in cartone bachelizzato.
3. Commutatore doppio a tre posizioni con morsetti serrafilo e boccole per collegamenti con spinotti a banana, base in fibra di cartone bachelizzata.
4. Interruttore trifase da 40A con fusibili in fili di piombo, base in ardesia lucidata.

Leggi tutto...

Suonerie o campanelli elettrici

Suonerie o campanelli elettrici (collezione De Rubeis)

Suonerie o campanelli elettrici (collezione De Rubeis).

Le suonerie o campanelli elettrici, in passato, sono state le più diffuse applicazioni dell’elettricità. Esse venivano utilizzate per le segnalazioni a distanza mediante campanelli azionati dalla corrente elettrica.
Sono stati costruiti tantissimi modelli per gli usi più svariati, nel pannello sono esposti alcuni di essi già utilizzati in impianti domestici.

Leggi tutto...

Contatore elettrico Westinghouse (1925)

Contatore elettrico Westinghouse (1925) (collezione De Rubeis)

Contatore elettrico Westinghouse (1925) (collezione De Rubeis).

Il contatore elettrico è un dispositivo utilizzato per indicare la quantità di energia elettrica fornita ad un circuito durante un tempo stabilito.
Molti sistemi sono stati utilizzati in passato per questo scopo.
I contatori esposti sono tutti ad induzione, e sono serviti unicamente per fornitura di corrente alternata cioè quella che normalmente è stata portata nelle nostre abitazioni già dai primi anni del novecento sino ad oggi.
Questo contatore rispetto ad altri dello stesso periodo è munito di un apposito congegno meccanico, chiamato numeratore a quadranti. Il suo sistema di lettura, simile ai contatori per la misura del gas, venne sostituito con un altro a lettura diretta chiamato numeratore a rulli, di più semplice controllo dei consumi effettuati.

Specifiche tecniche:

Contatore da parete monofase tipo N,
110\150 V 5 A 42 \50 HZ,
1 kilowattora = 3200 giri del disco,
Numeratore a quadranti

 

Contatore elettrico Siemens (1930)

Contatore elettrico a moneta C.G.M. (Milano, 1938) (collezione De Rubeis)

Contatore elettrico Siemens (1930) (collezione De Rubeis).

Il contatore elettrico è un dispositivo utilizzato per indicare la quantità di energia elettrica fornita ad un circuito durante un tempo stabilito.
Molti sistemi sono stati utilizzati in passato per questo scopo.
I contatori esposti sono tutti ad induzione, e sono serviti unicamente per fornitura di corrente alternata cioè quella che normalmente è stata portata nelle nostre abitazioni già dai primi anni del novecento sino ad oggi.
In questo contatore il numeratore è a rullo e composto da 4 cifre più una decimale.

Specifiche tecniche:

Contatore da parete monofase, mod. W12,
150 V 15\45A 50 HZ,
1 kilowattora = 960 giri del disco,
Numeratore a quadranti

 

Contatore elettrico a moneta C.G.M. (Milano, 1938)

Contatore elettrico a moneta C.G.M. (Milano, 1938) (collezione De Rubeis)

Contatore elettrico a moneta C.G.M. (Milano, 1938) (collezione De Rubeis).

Questo insolito e raro contatore funzionava introducendo una moneta da una lira nell’apposita fessura situata sul fronte dell’apparecchio e girando la leva posta sul fianco si attivava un meccanismo che permetteva il passaggio della corrente per un tempo proporzionale al numero delle monete introdotte. L’installazione di questo contatore venne interrotta perché si trovò il modo di frodare il fornitore di energia elettrica usando dei dischetti di ghiaccio introdotti come monete che una volta attivato il meccanismo si scioglievano lasciando nel cassettino portamonete l’acqua che con il tempo ne arrugginiva il fondo rendendo cosi evidente la truffa. Si osserverà che anche il contatore esposto ha il cassettino delle monete arrugginito.

Specifiche tecniche:

Contatore da parete monofase tipo A E 6
150 V 3 A 50 HZ,
1 kilowattora = 8640 giri del disco
Numeratore a rullo con 4 cifre più due decimali